FAQ

Risposte alle domande più frequenti

FAQ

Frequently Asked Questions (+ per visualizzare le risposte, - per chiuderle)

I cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti che abbiano in corso regolari attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo o siano iscritti nelle liste di collocamento o siano in possesso di permesso di soggiorno rilasciato per:
- Richiesta di asilo
- Adozione
- Asilo umanitario
- Motivi familiari
- Asilo politico
- Richiesta cittadinanza italiana
- Affidamento
- Motivi di salute
Cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti per motivi diversi da quelli sopra indicati, ma in possesso di permesso di soggiorno superiore a tre mesi ed iscritti volontariamente al S.S.N. con versamento di contributo.

A chi ha diritto all'iscrizione al S.S.N. la tessera sanitaria con validità corrispondente alla validità del permesso di soggiorno.

Accesso consentito a tutti i Servizi del S.S.N. con le stesse modalità e alle stesse condizioni dei cittadini italiani.

Il trasferimento per cure in Italia è consentito nell’ambito di programmi umanitari autorizzati dal Ministero della Salute d’intesa con il Ministero degli Affari Esteri o nell’ambito di programmi di intervento umanitario autorizzati dalla Regione Veneto.
Il cittadino extracomunitario che non rientra in questi programmi, per ottenere il visto, deve presentare alla sua Ambasciata una dichiarazione della struttura italiana presso la quale intende farsi curare, in cui deve essere indicato il tipo di cura, la data di inizio e la durata presumibile del trattamento terapeutico. Il cittadino extracomunitario deve, inoltre, attestare l’avvenuto deposito di una somma a titolo cauzionale, pari al 30% del costo complessivi presumibile delle prestazioni sanitarie richieste.

Tutti i cittadini extracomunitari non in regola con l’assistenza sanitaria e viene loro rilasciata la Card Sanitaria con validità annuale valida solo per l’assistenza preventiva e tutela della maternità e della gravidanza.

Strutture eroganti (secondo protocollo operativo ULSS n. 20)
Ambulatorio CESAIM – Via Golfino – aperto tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì.
Distretto Socio Sanitario n. 1 – Via Poloni Verona – e Distretto Socio Sanitario n. 7 – San Bonifacio – per “Card sanitaria”.
Ambulatorio del Dipartimento di prevenzione del Palazzo della Sanità per radiografie del torace o esami di laboratorio.
Distretto Socio Sanitario n. 1 – Via Poloni Verona – per test tubercolinico, vaccinazioni e visite specialistiche.
Consultorio famigliare, per corso di preparazione al parto, accertamenti e IVG.
Reparti e ambulatori USL e Azienda Ospedaliera di Verona (Malattie infettive, Pediatria, Pneumologia, Dermatologia, Ginecologia e Ostetricia).

CENTRO PER I DIRITTI DEL MALATO E PER IL DIRITTO ALLA SALUTE

Aderente al Movimento dei Cittadini

Indirizzo:
Via Massimo d'Azeglio 27/a
37123 Verona

Telefono/Fax: 045 8000220

Email: info@centroperidirittidelmalato.it

ORARI DI APERTURA
  • Lunedì - Mercoledì - Venerdì9.30 - 11.30
  • Si riceve solo su appuntamento

  • Design Developed in 2020